Amiche ed emozioni

Dopo anni di silenzio, quest’anno, finalmente, ho amiche che mi danno buone notizie, notizie di eventi speciali che hanno o avranno il potere magico di stravolgere le loro vite. Due si sono sposate, una aspetta il primo bambino, un’altra, una delle mie più care amiche, si sposerà l’anno prossimo, dopo circa mille anni di fidanzamento e altrettanti di peripezie ;-).

Questi eventi, o semplicemente il loro annuncio, hanno riacceso in me la scintilla dell’entusiasmo da matrimonio, ormai, lo confesso, piuttosto assopita, e quella, mai spenta invece, dell’entusiasmo da gravidanza.
Mi ritrovo a sbirciare in tv programmi in cui le future spose cercano l’abito perfetto, o in cui future mamme si fanno riprendere nel momento così delicato del parto – programmi, quelli sul parto, che sconsiglio vivamente alle mie amiche primipare -.
Io, che quando mi sono sposata non sono riuscita a godere appieno dei preparativi, perché avevo il pensiero fisso, e un po’ angosciante, di mia mamma che senza di me sarebbe rimasta a vivere sola, mentre io me ne andavo per formare la mia famiglia, io, beh, ora che non sono la protagonista degli eventi me li godo molto di più.
Mi sento una spettatrice privilegiata delle grandi emozioni che travolgono o stanno per travolgere le mie amiche: il significato del matrimonio, l’essere al centro dell’attenzione, il sentirsi un po’ principessa che quella giornata comporta e, soprattutto, la nascita di un bambino, il primo in particolare, che è l’evento che più di tutti ti coinvolge, travolge e stravolge l’esistenza.
Pensare che persone a me molto care stanno per vivere queste sensazioni le fa vivere un po’ anche a me, e mi fa pensare a quante cose, quante idee, abitudini, finalità e credenze sono cambiate da quando, sei anni e mezzo fa, mi sono sposata e, soprattutto, da quando, quattro anni fa, sono diventata mamma per la prima volta.
Insomma, mi sento molto empatica :-), molto in modalità “condivisione” con le emozioni delle mie amiche anche se, naturalmente, ognuno le vive a modo suo. 
Non mi resta che accudire e nutrire queste sensazioni, per arrivare ben preparata al momento clou.
Staremo a vedere…
A presto,
Adele
 

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *