Quando pensi che tuo figlio non ti veda…

20120114-DSC_2522(21).jpg
I bambini imparano tantissimo da noi. Tuo figlio impara tantissimo da te.
Non tanto da quello che gli dici, ma da quello che fai.
 
Dire belle parole è semplice, metterle in pratica è più complicato.
 
Se vuoi trasmettere a tuo figlio i tuoi valori, c’è solo una cosa efficace che puoi fare: vivere ogni giorno, concretamente, secondo i tuoi valori. Dimostrargli con l’esempio quotidiano che quei valori sono alla base della tua vita, e che la rendono migliore. 
 
Certamente ci vuole del tempo perché i valori siano davvero assimilati da un bambino, ed è indispensabile che il bambino condivida esperienze significative con i genitori, in cui possa vedere questi valori in azione.
 
Come genitori, e non solo, è fondamentale il fattore coerenza, e di sicuro già te ne sei accorto.
 
Se viviamo davvero secondo i valori che vogliamo trasmettere, i nostri figli li coglieranno e li assimileranno, per poi magari contestarli :-).
 
Vivere ogni giorno in modo coerente, anche quando pensiamo che i figli non ci vedano…
 
Nel libro “Pnl con i bambini” ho letto, a questo proposito, un brano che ti trascrivo, e che mi ha fatto riflettere.
 
Quando pensavi che non ti vedessi, ti ho visto appiccicare il mio primo disegno sul frigorifero, e mi è venuta subito voglia di farne un altro.
 
Quando pensavi che non ti vedessi, ti ho visto sistemare e mettere in ordine la nostra casa perché fosse gradevole abitarci, e ho capito che le piccole cose sono le cose speciali della vita.
 
Quando pensavi che non ti vedessi, ti ho sentito pregare Dio e ho imparato che esiste qualcuno con cui parlare e in cui avere fiducia.
 
Quando pensavi che non ti vedessi, ti ho visto preoccuparti per i tuoi amici, sani e malati, e ho capito che tutti dobbiamo aiutarci e occuparci l’uno dell’altro.
 
Quando pensavi che non ti vedessi, ti ho visto dare il tuo tempo e i tuoi soldi per aiutare persone che non hanno nulla, e ho capito che quelli che hanno qualcosa devono condividerlo con chi non ce l’ha.
 
Quando pensavi che non ti vedessi, ti ho sentito darmi un bacio di notte, e mi sono sentito amato e sicuro.
 
Quando pensavi che non ti vedessi, ti ho visto occuparti della nostra casa e di tutti noi che ci viviamo, e ho imparato ad avere cura di tutto quello che ci viene dato.
 
Quando pensavi che non ti vedessi, ti ho visto assumerti le tue responsabilità anche quando non ti sentivi bene, e ho imparato che devo essere responsabile.
 
Quando pensavi che non ti vedessi, ho visto le lacrime scendere dai tuoi occhi, e ho imparato che qualche volta le cose fanno male e che piangere va bene.
 
Quando pensavi che non ti vedessi, ho visto quanto sono importante per te e ho deciso di diventare tutto ciò che riuscirò a diventare.
 
Quando pensavi che non ti vedessi, ho imparato quasi tutte le lezioni della vita che devo conoscere per essere una persona buona e positiva.
 
Quando pensavi che non ti vedessi, ti ho visto e avrei voluto dirti: Grazie per tutte le cose che mi hai fatto vedere quando pensavi che non ti vedessi.”
 
Quando un figlio pensa certe cose, significa che i genitori hanno fatto un ottimo lavoro non credi?
 
E se vuoi approfondire questo e altri argomenti per l’educazione di tuo figlio, registrati qui e ricevi gratis tre video di MammeImperfette 🙂
 
A presto,
 
Adele
 
 
 
 

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *