Il segreto per capire tuo figlio

mammeimperfette.com

Conosci Tim Seldin?

È il Presidente della Fondazione Montessori, molto impegnato nel diffondere il pensiero e il metodo di Maria Montessori in tutto il mondo. Quest’estate ho letto un suo meraviglioso libro:

“How to raise an amazing Child, The Montessori Way”

Ho scoperto che la versione italiana esiste, con il titolo “I bambini hanno bisogno di fiducia”, ma è praticamente introvabile. Ho pensato quindi di proporti periodicamente la traduzione di alcuni brani, che personalmente ho trovato utilissimi e pieni di consigli efficaci per il rapporto con i miei bambini :-). Comincio subito!

Quanto tempo trascorri a osservare tuo figlio? Non mi riferisco a quando lo guardi di sfuggita mentre fai qualcosa d’altro, ma a quei momenti in cui rivolgi completamente la tua attenzione a tuo figlio, per un periodo di tempo sufficientemente lungo.

Sedersi e osservare quello che tuo figlio sta dicendo, facendo o guardando è uno dei modi migliori per applicare il pensiero Montessori a casa tua. I bambini, infatti, hanno moltissimo da insegnarci sui loro bisogni e sui loro interessi, se siamo capaci di prenderci del tempo per dedicare loro l’attenzione che meritano.

In che modo puoi osservare tuo figlio?

Potrebbe essere utile, per esempio, prendere un quaderno su cui appuntare le tue osservazioni. Prenditi regolarmente del tempo da trascorrere esclusivamente osservando tuo figlio. Siediti comodamente abbastanza vicino a lui da riuscire a vedere e sentire ciò che fanno o dicono lui e qualsiasi altro bimbo con cui stia giocando.

Prendi appunti su quello che vedi, in modo tale che queste informazioni, accumulandosi nel tempo, diventino una significativa testimonianza del comportamento di tuo figlio nelle diverse età e ti aiutino a capire se c’è uno schema di comportamento che si ripete in un certo periodo. Prova a interpretare il comportamento di tuo figlio; quando noti in lui un nuovo interesse, pensa a come proporgli attività che possano stimolare e accrescere la sua passione in quel momento.

Che cosa osservare?

Ricorda che l’unica cosa su cui puoi fare affidamento, nella quotidianità con i bambini, è che durante la crescita i loro interessi, le loro preferenze e le loro abilità cambiano in modi e tempi imprevedibili.

Ogni volta che osservi tuo figlio, quindi, prova a dimenticare le esperienze o le percezioni passate e concentrati su ciò che sta accadendo in quel preciso momento.

Per esempio, quando tuo figlio sta giocando, fai attenzione a quali giocattoli sceglie. Come li usa? Preferisce giocare da solo o in compagnia? Nel giocare ripete qualche schema particolare?

Osserva tuo figlio anche mentre si muove in giro per casa; si sposta da un luogo all’altro in modo tranquillo e grazioso o disordinato, portando scompiglio? C’è una stanza della casa che predilige? Secondo te, che cosa lo attrae in quella stanza?

Mentre mangia, soffermati a capire che cosa tuo figlio preferisce e cosa gli pace fare. Sa bere l’acqua senza rovesciarla e usare le posate in modo corretto, con una buona coordinazione occhio-mano? Come si comporta tuo figlio durante i pasti? È un momento in cui ama parlare della sua giornata?

Ricorda! Mentre osservi tuo figlio, pensaci due volte prima di interferire con ciò che sta facendo. Il tuo scopo è imparare da quello che lui sta facendo, e non cercare la prima occasione per correggerlo!

Io sono convinta che osservare e ascoltare tuo figlio siano il primo passo, imprescindibile, per stargli vicino e comprenderlo davvero!

Tu che cosa ne pensi?

Scopri “Mamma, io valgo!”: idee e consigli pratici per l’autostima di tuo figlio, da 0 a 6 anni.

E se vuoi conoscere il percorso di MammeImperfette per crescere figli sicuri di sé, autonomi e capaci di essere felici, registrati QUI e ricevi subito gratis tre video 🙂

A presto,

Adele

Potrebbero interessarti anche:

25 idee per insegnare a tuo figlio la resilienza

Gioco e autonomia a 4 anni, in una scuola Montessori

Quando pensi che tuo figlio non ti veda 

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *